In evidenza

Comunicati stampa e notizie in evidenza.

Come rimuovere un tatuaggio in maniera sicura

I tatuaggi sono delle decorazioni sulla pelle che da millenni adornano la pelle di persone di ogni etnia. Dalle più ricche alle più povere, dai nobili alle comuni persone di strada. Nel mondo, i tatuaggi sono diventati sempre più una moda, che le persone scelgono di farsi in diversi momenti della propria vita. Purtroppo, in alcuni momenti della propria vita, questo segno indelebile sulla nostra pelle può diventare un problema, e quindi è necessario rimuoverlo.

Come rimuovere un tatuaggio in maniera sicura

Fino a qualche anno fa, rimuovere un tatuaggio era un’operazione molto difficile e che richiedeva diverse dolorose sedute in uno studio di un chirurgo. A Roma, la domanda per la rimozione dei tatuaggi è aumentata in maniera molto costante, e così sono nati diversi studi per la rimozione dei tatuaggi a Roma.

Grazie ai grandi passi da gigante fatti dalla tecnologia al laser, la rimozione di un tatuaggio non è più un problema particolarmente doloroso e lungo. Ora, con poche sedute è possibile eliminare ogni traccia di pigmento dalla vostra pelle, senza farvi provare troppo dolore e in maniera definitiva.

Come funziona la rimozione dei tatuaggi?

La rimozione dei tatuaggi tramite laser, è un’operazione semplice e che non chiede il ricovero in ospedale o in clinica. Uno speciale laser, tarato per disintegrare le particelle di inchiostro sotto la pelle, viene attivato da un chirurgo o da un professionista della rimozione dei tatuaggi e la sua luce viene irradiata su tutta la superficie di pelle coperta dal tatuaggio.

In pochi minuti, il pigmento che dà la forma al tatuaggio viene frammentato in piccoli pezzi, che poi il sistema immunitario espellerà in maniera naturale. Questa pratica, sicura e affidabile vede l’utilizzo di diversi laser per completare la rimozione. Infatti, ogni tipo di pigmento deve essere trattato con un laser specifico, tarato per quella tipologia di colore.

Quali sono gli effetti collaterali?

La rimozione di un tatuaggio con il laser, di solito ha degli effetti collaterali limitati e temporanei. Questi effetti collaterali, includono l’arrossamento e il gonfiore di parte della pelle sottoposta al trattamento. Non è detto, che la o le zone trattate si arrossino durante o dopo il trattamento. Il tipo di pelle e il pigmento, possono ridurre al minimo gli effetti collaterali della rimozione di un tatuaggio con il laser.

In ogni caso, l’utilizzo di un impacco di ghiaccio per circa 48 ore è la soluzione migliore per lenire il fastidio che l’arrossamento può dare. Nei rari casi si formino delle ecchimosi, è bene chiedere un consulto a un dermatologo o al vostro medico di fiducia.

Come avete visto, rimuovere un tatuaggio è una cosa semplice e poco dolorosa. Per chi si trova nella situazione di volere cancellare dalla propria vita questa forma d’arte, è bene rivolgersi a un professionista o a un dottore per ottenere un ottimo risultato.

Go to top